Raccolte di libri e riviste: svago e passione

Sebbene questa sia un’epoca nella quale il libro cartaceo viene man mano sostituito dagli ebook, ci sono molti appassionati che preferiscono ancora gli stock di libri e riviste cartacei. In commercio esistono le raccolte più svariate: dai libri antichi e da collezione, che possono essere anche un discreto investimento, ai libri e riviste di saggistica ai libri di testo e corsi. I prezzi per gli stock di libri e riviste vanno da 2 € circa, fino a più di 200 € per lotti consistenti e di non facile reperibilità. Anche nel mercato dell’usato si possono trovare molte offerte.

Raccolte di libri e riviste: una varietà di opzioni

Possedere un buon numero di stock di libri e riviste, presuppone la conoscenza del loro valore sia storico che economico; oppure, semplicemente, il gusto di possedere libri e riviste che trattano argomenti che ci interessano e a cui siamo appassionati. Si possono collezionare molte tipologie diverse di libri: fantascienza, libri pubblicati da una particolare casa editrice, collane, ecc.

Nella scelta dei libri e delle riviste che ci interessano, possiamo applicare differenti criteri. Un primo criterio di scelta potrebbe essere rappresentato dall’autore e, in questo caso, cercheremo di avere nella nostra collezione una copia di tutte le sue opere. A tal proposito, è importante informarsi su tutto quello che è stato scritto dall’autore che ci interessa, consultando una bibliografia aggiornata. Un altro criterio è quello di scegliere in base alla disciplina o all’argomento, come per esempio archeologia, matematica, musica o poesie, che sono un buon modo per esprimere delle emozioni. Un altro ancora può essere la data dell’edizione o la rarità: per collezionare volumi rari occorre concentrare le ricerche sulle prime edizioni dei libri.

Oltre ai collezionisti, molte persone acquistano libri non tanto per leggerli, ma per aggiungerli alla propria raccolta, un po’ per passione e un po’ per svago.

Una volta stabilita la tipologia dei libri o delle riviste, occorre considerare anche il budget a disposizione, dopodiché potremo iniziare la nostra raccolta o la nostra collezione.

Se invece abbiamo già una raccolta o una collezione di libri e vogliamo valutarne il valore, allora la prima cosa da considerare è la condizione in cui si trovano i libri o le riviste. Un libro antico non è necessariamente anche un libro di valore: un volume di 150 anni fa tramandato di generazione in generazione può essere un oggetto di grande valore sentimentale per i proprietari, ma per un collezionista potrebbe essere nient’altro che un libro molto consumato.